Il forum dei papà consapevoli [FORUM SPOSTATO www.babbocanguro.it/forum]

Questo è un forum in lingua italiana di supporto ai papà di bimbi e adolescenti. Le mamme sono benvenute... ma il punto di vista rimane maschile [IL FORUM SI E` SPOSTATO: www.babbocanguro.it/forum]


    5 rapide domande sul vbac

    Condividi
    avatar
    Lino
    Admin

    Messaggi : 91
    Reputazione : 3
    Data d'iscrizione : 16.05.10
    Età : 45

    5 rapide domande sul vbac

    Messaggio  Lino il Mar 18 Mag - 17:40

    [informazioni puramente divulgative, non costituiscono diagnosi o
    prescrizione medica. Ogni caso è a sé]

    1) Che cos'è il vbac?

    Il vbac sta per "vaginal birth after caesarean", ossia parto
    vaginale dopo cesareo. In pratica significa per una donna
    partorire in modo vaginale anche dopo un taglio cesareo.

    Se i tagli cesarei sono due si parla di vba2c. Se sono tre si
    parla di vba3c, ecc...

    2) Si può fare?

    Per il vbac si stima una percentuale di successo del 75%. Per i
    vba2c ed oltre anche... ma ci sono più variabili da tenere in
    considerazione quali l'età della mamma, quanto è passato da un
    cesareo e l'altro, quanto tempo dall'ultimo cesareo stesso e come
    sono stati i precedenti cesarei (se programmati o in travaglio
    magari avanzato). In genere la risposta è che, almeno il
    travaglio, si può sempre fare. Con i moderni mezzi d'indagine,
    anche in caso di pericolo, si può allestire una sala operatoria
    in tempo per intervenire anche in caso infausto di rottura
    d'utero.

    3) Dove si può fare?

    Cominciano ad essere non rari gli ospedali pubblici che, previa
    firma di consenso informato, consentono il cosiddetto "travaglio
    di prova", che significa praticamente: diamo alla mamma una
    chance per partorire, tanto c'è sempre tempo per un cesareo,
    dopo.

    4) Si può fare in casa?

    Sì, in questo caso si parla di hbac, dove h sta per Homebirth. In
    genere l'ostetrica che assiste la madre può anche scegliere di
    non fare tutto il parto in casa, ma di fare il cosiddetto
    "accompagnamento", ossia travaglio in casa ed espulsione in ospedale.

    5) Mia moglie vuole fare un vbac ma io non sono d'accordo, che
    posso fare?

    In certa misura, nulla. Accettare la scelta e basta. Se la
    convinzione della compagna è forte è probabile che consumiate i
    mesi della gravidanza in modo non sereno, cosa che nuocerebbe sia
    alla madre, che al piccolo e a voi stessi, sia in caso di vbac
    che di cesareo ripetuto.

      La data/ora di oggi è Mer 14 Nov - 4:51